La Villanesca alla Napoletana

 

Ring Around 
Vera Marenco, soprano
Manuela Litro, contralto
Umberto Bartolini, tenore
Alberto Longhi, baritono


Alessandro De Carolis, flauti

Giuliano Lucini, liuto
Marcello Serafini, viella e chitarra rinascimentale

Antonino Anastasia, percussioni

 

Nel programma si propongono brani tratti dalle principali raccolte di villanesche del Cinquecento: la forma "per villani" nasce nella ricca e aperta cultura della Napoli rinascimentale, emigra a Roma e Venezia per ragioni editoriali e acquisisce tratti che la trasformeranno nella 'villanella' nazionale, una delle forme di soggetto profano più utilizzate in Europa. 

"Anema e core" napoletani spiccano in una raffinata antologia di piccoli capolavori, dai contenuti amorosi e piccanti. 

 

 

 
Programma
 

A quand’a quand’haveva una vicina

Sempre mi ride sta donna dabbene

Adrian Willaert (c.1490-1562), dalle Canzone Villanesche alla Napoletana 1545

 

Si troppo bella

Giovan Thomaso di Maio - dalle Canzon Villanesche, 1546

 

Mi fai morire

Vorria morire

Anonimo - dalle Villotte alla napoletana a tre voci

 

Vorria crudel tornare

Giovanni Leonardo dell’Arpa - dal Primo Libro delle Napolitane

 

Madonn’io non lo so perchè lo fai

O dolce vita mia, che t’aggio fatto?

Adrian Willaert (c.1490-1562), dalle Canzone Villanesche alla Napoletana 1545

 

Gagliarda La Barcha del mio amor

Giacomo Gorzanis (1525-1578)

 

Madonna tu mi fai lo scorrucciato

Boccuccia d’uno persic’apreturo

Anonimo, da Canzoni villanesche alla napolitana, Libro Primo 1537 - J. da Colonia

 

Il vostro dolce sguardo

Cesare Todino (1530 -1591) - dalle Canzoni napolitane, vol.II

 

O bene mio, famm’uno favore

Vecchie letrose

Adrian Willaert (c.1490-1562), dalle Canzone Villanesche alla Napoletana 1545